Danza e Anoressia
Problema da non sottovalutare

Martedì 17 aprile 2012 - Approfondimento di Irene Romano

Le polemiche legate al "caso Garritano" ancora non si placano (vedi il precedente articolo su www.danzadance.com/Mariafrancesca_Garritano).
Forse perchè la questione non è un problema secondario ma è stato sottovalutato e trascurato per molto/troppo tempo: l'anoressia nel mondo della Danza.
Non voglio entrare in merito sulla questione Garritano-Scala perchè ora è una questione legale che riguarda solo loro.
Ma il problema dell'anoressia riguarda TUTTO il mondo della Danza, italiano e internazionale, amatoriale e professionale. Esiste ed è inutile negarlo.

Perchè è così presente? Forse perchè le ballerine portano avanti il loro percorso artistico fin da piccole in sala prove, perennemente di fronte ad uno specchio e alla continua richiesta di appartenere a severi canoni fisici?

Ho sempre sostenuto che la Danza (quella professionale) non è per tutti perchè non tutti sono destinati a diventare dei danzatori in carriera.
La Danza chiede da sempre una severa "selezione naturale". Una selezione che a volte diventa molto drastica. Ma del resto, non tutti possono diventare ad esempio astronauti, giusto? E allora perchè cercare di raggiungere la vetta anche a costo della propria salute?

Questa è una società che spesso ci chiede di diventare anche quello che non potremo mai essere anzichè cercare la vera indole di noi stessi.
Il mondo della moda, del cinema e della danza impongono sempre più spesso al pubblico spettatore (noi) dei canoni estetici sempre più irraggiungibili in modo sano. Quando daremo veramente un limite?

La questione "Danza/anoressia" in Italia è emersa ultimamente per il caso Garritano con il servizio de "Le Iene" ma in realtà questa è una questione sempre più evidente anche all'estero.
Ad esempio, nel film "Il Cigno Nero" del 2010, l'attrice protagonista (Natalie Portman) ha perso più di 10 kili per poter interpretare una ballerina con seri problemi emotivi e con evidenti sintomi di anoressia/bulimia. Ecco quindi come il cinema vede il mondo della Danza. Possiamo forse dargli torto?

I "canoni di bellezza" nella danza sono molto cambiati nell'ultimi 50 anni:
da Margot Fonteyn a Svetlana Zakharova. Fisici totalmente differenti. Quello che più mi spaventa è pensare a quanti adolescenti rischiano di rovinare la propria salute inseguendo qualcosa d'impossibile per loro. NON SOTTOVALUTIAMO IL PROBLEMA.

A tal proposito, ecco la traduzione di un articolo uscito il giorno 15 aprile 2012 in Inghilterra del quotidiano Daily Mail.

Danza e Anoressia

Danza e Anoressia

Il Balletto Nazionale inglese
ha ordinato ai suoi danzatori di mettere su peso per le lamentele del pubblico: le stelle sono troppo magre.


Quando l'attrice Natalie Portman nel film "Black Swan" ha drammaticamente raffigurato una ballerina sottile bastone con un disturbo alimentare, ha provocato non poche polemiche.
Ora il nuovo direttore artistico dell'English National Ballet ha confermato il dramma dicendo che questo rispecchia la realtà dolorosa per molti ballerini.
Tamara Rojo (37 anni, nata in Canada da genitori spagnoli), ampiamente considerata la miglior danzatrice in Gran Bretagna, inizierà il suo nuovo lavoro dalla prossima settimana e dice di voler eliminare l'anoressia dal suo corpo di ballo.

Ha detto: "Il pubblico vuole vedere ballerini belli e dall'aspetto sano; c'è ancora troppa pressione nell'essere magri. Questo probloema arriva dal mondo della moda che a sua volta influenza anche il mondo del balletto.
Quando si è in una importante compagnia di balletto, spesso si perde la prospettiva della realtà. Così si va per estremi, per distinguersi e farsi notare. Ma io sempre sostenuto questo e continuerò a dirlo.
Non sono mai stata troppo magra e voglio per me e per gli altri danzatori delle carriere lunghe e salutari.
Questo deriva anche da quello che è nella tua testa, come la mente governa il corpo.

La signorina Rojo ha svolto con grande successo i ruoli principali dei più importanti balletti di repertorio ed è stata spesso paragonato alla grande Margot Fonteyn, che era "sicuramente non magra".

Le pressioni sui "canoni fisici" sulle ballerine dell'English National Ballet erano già state evidenziate anche dall'attore Nicholas Lyndhurst, sposato con Lucy Smith (ex ballerina ENB) quando ha parlato di anoressia nel mondo del balletto in un'intervista del 2005 al Daily Mail.


Danza e Anoressia

Tamara Rojo,
nuovo direttore artistico
dell'English National Ballet,
vuole eliminare l'anoressia
dal suo corpo di ballo.



29 aprile 2012 - Intervista speciale a Mariafrancesca Garritano, Ospite a RHO DANZA 2012