BOLERO

BOLERO balletto Bejart Ravel

Roberto Bolle alla Scala con Bolero

11 Marzo 2018, Milano - Interviste SKYTG24:  
Video parte 1
  -   Video parte 2


BOLERO balletto Bejart Ravel

Sylvie Guillem in Bolero, 2015




Le musiche BOLERO sono state composte da Maurice Ravel nel 1928; musica da balletto divenuta celebre anche come brano da concerto. È sicuramente il bolero più celebre mai composto, nonché l'opera più popolare del compositore.

La versione coreografica più riuscita e più rappresentata nel mondo, è quella creata nel 1961 da Maurice Béjart per i Ballet du XXème Siècle.


BOLERO balletto Bejart Ravel

Ci sono balletti di repertorio che con gli anni raccolgono una patina "vintage" e lo fermano nel tempo.
Questo però non succede con questo balletto di Bejart, che sa ancora essere così innovativo e contemporaneo.
Eppure parliamo di una coreografia del 1961.
Come definirlo?
Erotico, coinvolgente, viscerale sulla musica di Ravel che sa colpire fin dalle prime note.
BOLERO è ancora oggi una creazione di grande ispirazione anche per i coreografi più giovani.

BOLERO balletto Bejart Ravel

Questa è sicuramente una delle coreografie più note del grande Maurice Béjart.
Ha conquistato le platee internazionali fin dalla sua creazione.
Una grande particolarità di quest'opera è che può essere interpretato sia in versione femminile che maschile.

In questi anni è stato interpretato da grandi ballerini tra cui Luciana Savignano, Maya Plisetskaya, Sylvie Guillem e il primo e indimenticato Jorge Donn.
Nel 2018, anche da Roberto Bolle: " Per me è un sogno che si realizza. Bolero è un mio sogno ed è stato un mio sogno per tantissimo tempo. Sono almeno 20 anni. Ho sempre voluto interpretare questo ruolo perché ha una forza, una carica anche sensuale, erotica, così forte e diversa da tutti quelli che sono gli altri ruoli del balletto classico e contemporaneo."


Video: Jorge Donn in Bolero, 1982




BOLERO balletto Bejart Ravel

BOLERO balletto Bejart Ravel

Disse Ravel
"Nel 1928, su richiesta della signora Rubinstein (Ida Rubinstein, famosa ballerina e attrice russa), ho composto un bolero per orchestra; un movimento molto moderato e costantemente uniforme, tanto dalla melodia quanto dall'armonia e dal ritmo, quest'ultimo contrassegnato costantemente dal tamburo. L'unico elemento di diversità è portato dal crescendo orchestrale."

Maurice Béjart ha poi chiarito la sua concezione dell'opera di Ravel:
"Musica troppo conosciuta e tuttavia sempre nuova grazie alla sua semplicità. Una melodia, di origine orientale e non spagnola, che si snoda instancabilmente su se stessa, che continua ad aumentare di volume e intensità, divorando lo spazio sonoro e infine inghiottendo la melodia."
Béjart affida il ruolo principale - la Melodia - a volte a un ballerino, a volte ad una ballerina. Il ritmo viene eseguito da un gruppo di ballerin (fino ad un numero ufficiale di 36 danzatori).


Video: Diana Vishneva in Bolero, 2016




Video: Maya Plisetskaya in Bolero, 1975




BOLERO balletto Bejart Ravel