Balletto CARMEN

Balletto classico di repertorio CARMEN


Balletto classico di repertorio CARMEN

Carmen

Cast: Mats Ek, Ana Laguna, Marc Hwang. Anno 2004
Balletto DVD acquistabile on line



Titolo originale: Carmen
Debutto: 21 Febbraio 1949, Prince’s Theatre di Londra
Librettista: R. Petit
Coreografo: R. Petit
Musiche: G. Bizet
Opera: drammatica in cinque quadri.

Il soggetto, tratto da una novella di Prosper Mérimée, scrittore e storico francese le cui opere sono ricche di misteri che si svolgono in Spagna e su libretto della celebre opera di Georges Bizet, è ambientato nella Siviglia degli zingari e dei toreri. Dalle scale di una fabbrica di sigarette, una donna scende a precipizio inseguita da Carmen; le due inscenano una rissa, Carmen sta per uccidere la rivale, ma viene fermata da un uomo, Don José. Quest’ultimo s’invaghisce di lei, che aiutata da una sua amica riesce a scappare; mentre José cerca d’inseguirla.

Il secondo quadro è ambientato in una taverna dove alcuni paesani felici stanno festeggiando.
Qui, José inizia a danzare l’habanera, danza popolare spagnola dal ritmo lento e non rigido: egli si toglie il mantello nero, simbolo della sua appartenenza a un rango nobile, incomincia ad avanzare a passo cadenzato guadagnando lo spazio scenico come un torero nell’arena.

Nella sua variazione i movimenti sembrano bloccarsi, come se fossero una sequenza di fotogrammi: egli, nonostante i suoi passi non riesce a togliere il suo sguardo da Carmen, la sua amata.
Mentre Carmen si lascia conquistare dagli altri uomini della locanda, non riesce a non notare José e, rapita dal suo movimento, s’inginocchia davanti a lui: insieme si dirigono verso la camera di lei.

Nella stanza di Carmen (terza scena): i due diventano amanti.
Mentre José fuma, Carmen inizia a danzare: i suoi movimenti ricordano la jota, una danza folcloristica di origine aragonese, mostrando, così, il suo carattere disinibito e indipendente.
Successivamente entrano in camera alcuni loschi individui e sussurrano alla donna qualcosa all’orecchio: Carmen riesce a convincere José a compiere un crimine.

Nella quarta scena troviamo José che, per amore, assale un uomo, lo uccide e gli ruba il denaro: Carmen afferra il bottino e scappa insieme ai suoi compagni. José decide d’inseguirli.

Nella quinta scena si trovano nell’arena: Carmen conquista il torero, ma irrompe José geloso. Inizia una lotta tra gli amanti: José con un coltello è pronto ad avanzare contro il torero, ma interviene Carmen che viene colpita e muore.


Carmen balletto


Chi è Roland Petit?
Ballerino e coreografo estroso e ricco di talento, estremamente curioso poiché studiando la vita nei suoi più vari aspetti cerca temi e argomenti da raccontare.
Egli è dotato di un solido bagaglio tecnico acquisito nei suoi giovanili anni all'Opéra di Parigi.
Durante un’intervista Petit afferma che all’epoca non sapeva nulla di Carmen. Non aveva letto la novella di Prosper Mérimée, né ascoltato l’opera di Bizet. Tutto ciò che sapeva era quanto gli aveva raccontato la madre durante l’infanzia intorno a questa storia di amore e morte. Tuttavia, trovando in ogni città dove approdava con la compagnia, l’opera Carmen in cartellone, si decise ad assistere ad una rappresentazione.
Fu allora che, folgorato dalla musica di Bizet, riuscì a trovare il filo conduttore del balletto a cui stava già pensando da tempo e che prevedeva una vera camera da letto nonché delle donne provocanti intente a fumare sigarette.

Inizialmente per il ruolo di Carmen, Petit aveva pensato a Colette Marchand; la Jeanmaire s’impose e fu allora che si pensò al taglio dei capelli a la garsonne e all’aspetto un po’ androgino di Carmen.
Fu un successo strepitoso, che lo stesso Petit definisce irripetibile, soprattutto per la famosa scena della camera da letto più volte ripresa nei gala di danza ove il pas de deux sviluppa il tema dell’erotismo in modo assai audace per l’epoca.
Infatti, questo balletto durante le prime esibizioni venne giudicato assai scandaloso: in Canada venne addirittura censurato.
Con il tempo non suscitò più scandalo e iniziarono le varie interpretazioni della Carmen come quella di Alberto Alonso (1967), John cranio ( 1971), Mats Ek (1992).
Amedeo Amodio realizzò nel 1995 una Carmen ispirata a Corto Maltese. Inoltre ci furono innumerevoli Carmen flamenchi come quella di Antonio Gades e la versione cinematografica con Carlos Saura, Carmen story (1983).

Da notare la figura del torero che rispecchia, senza ombra di dubbio, quella del ballerino: entrambi sono scattanti, atletici, hanno gambe robuste ed estremamente forti. Il loro portamento, dalle posizioni delle braccia fino a quelle dei piedi, è una caratteristica tipica spagnola nata nella stessa epoca della corrida: l’arte d’uccidere i tori. Come il ballerino, il torero studia con precisione la sua coreografia da portare nell’arena: composta da camminate flessuose, movimenti delle braccia che creano ampie volute nello spazio e gesti accompagnati dal mantello di particolare virtuosismo. Inoltre, il costume richiama quello del ballerino classico spagnolo caratterizzato da corpetti ricamati , scarpette nere e calze rosa.
Per questo motivo molti coreografi spagnoli dedicano i propri balletti a toreri famosi, come Belmonte di Cesc Gelabert.


Balletto classico di repertorio CARMEN

Video: CARMEN con Svetlana Zakharova, Bolshoi Ballet




Video: CARMEN con Eleonora Abbagnato





Video: CARMEN con Roberto Bolle e Polina Semionova




Balletto classico di repertorio

Balletto di Repertorio in DVD

Dove trovare i grandi classici del balletto di repertorio?
Spesso in molti ci chiedono dove trovare grandi balletti di repertorio interpretati dai più grandi Etoile (tra cui Carla Fracci, Alessandra Ferri, Rudolf Nureyev e Roberto Bolle).
E' una sezione speciale in cui potrai trovare tutti i più grandi balletti (tra cui il Lago dei Cigni, Giselle, Lo Schiaccianoci, Bayadere, Corsari e tanti altri) acquistabili facilmente on line in dvd per poi riceverli a casa.